+393479672304
info@rpaitaly.it

Evento online “Dall’RPA all’Hyperautomation” – 10/12/2020

Ready to become more creative, efficient and innovative

Di Luca Porcari, Presidente

Questo evento è stato organizzato in collaborazione con il nostro Partner KOFAX, rappresentato da Giovanni Brunoro. Ho ovviamente coinvolto anche il nostro VP, Vincenzo Marchica, in virtù della sua consolidata esperienza in ambito RPA fin dalle sue origini. Il primo obiettivo di questo seminario è stato quello di partire dall’articolo fatto insieme alla KOFAX lo scorso Ottobre in cui si anticipava il passaggio dalla Robotic Process Automation alla Intelligent Automation ed Hyperautomation, per spiegare in modo più ampio quali tecnologie stanno già confluendo in questa evoluzione dell’RPA e quali saranno i benefici per le Aziende.

Ho preferito partire con una slide che era già stata richiamata nell’articolo originario, con cui si percepisce molto bene l’evoluzione oggetto del seminario.

Ho poi chiesto una definizione di Hyperautomation ai miei interlocutori:

Creare una governance globale di quello che è stato già fatto o che si farà in azienda e che coinvolge più tecnologie digitali

Cit. Vincenzo Marchica

Un punto di arrivo per far collaborare più tecnologie innovative verso la “human augmentation”

Cit. Giovanni Brunoro

Come ha giustamente osservato Giovanni Brunoro, per adeguarsi ai veloci cambiamenti tecnologici, serve l’evoluzione verso la hyperautomation che diventa requisito di sopravvivenza. E Vincenzo Marchica ha puntualizzato che è proprio grazie alla hyperautomation che sarà possibile coprire ed automatizzare processi di più ampio respiro (end-to-end).

Abbiamo più volte rimarcato un nuovo e più evoluto concetto di connessione tra human e digital workforce, per cui sicuramente l’effetto esperienza sarà incrementato.

Riguardo alle tecnologie coinvolte o inglobate nella hyperautomation, ecco qui alcune importanti risposte:

Tutte le piattaforme di RPA ormai integrano routine di AI (Artificial Intelligence), sono in grado di connettersi con sistemi esterni all’Azienda, e garantiscono sia l’orchestrazione di robot molto diversi tra di loro, sia la loro stessa ottimizzazione.

Cit. Vincenzo Marchica

Ecco alcune tecnologie “best of grid” che stiamo già inglobando: intelligenza artificiale, IoT, OCR, NLP, piattaforme LOW-CODE o NO-CODE, business intelligence

Cit. Giovanni Brunoro

In sostanza, attraverso la Hyperautomation è possibile garantire:

  • l’accorpamento di tecnologie sempre più sofisticate all’interno delle attuali piattaforme di RPA;
  • un’estensione dei processi automatizzabili end-to-end;
  • una maggiore copertura tra dipartimenti aziendali;
  • una più snella (ed armonica) collaborazione tra human workforce e digital workforce;
  • una maggiore diffusione di RaaS (RPA As A Service) in virtù di una maggiore standardizzazione di processi aziendali ricorrenti e comuni tra Aziende.

Ovviamente sono innumerevoli i settori in cui questa nuova evoluzione della RPA avrà importanti conseguenze: amministrazione e contabilità, gestione della forza vendite, ingaggio ed on-boarding dei clienti, call center ed help desk, strategie di marketing, …

La Hyperautomation garantisce l’interconnessione di più processi e esigenze aziendali e sta comportando il cambiamento definitivo di molti processi organizzativi e paradigmi operativi.

Cit. Luca Porcari

Sul nostro canale YouTube, al seguente link, potete rivedere la registrazione dell’evento: